Il meglio della primavera: ortaggi di stagione Cortobio

Diamo il benvenuto alla primavera con nuovi ortaggi biologici di stagione che arricchiscono i nostri piatti e portano freschezza in cucina! Cortobio porta sulle vostre tavole le prime fragole e alcuni legumi come ad esempio le fave e i piselli. Questa settimana vi abbiamo fatto conoscere la Mizuna, ma abbiamo anche rapanelli, asparagi e insalate freschissime.

I primi prodotti di stagione arrivano dai nostri amici produttori del sud, dove il clima più mite ha permesso di anticipare la produzione, ma a brevissimo, nelle prossime settimane torneremo con i prodotti locali.

Andiamo alla scoperta dei migliori ortaggi di stagione biologici…

Le fragole

smoothie-fragola-di-stagioneSono tra i frutti più apprezzati per il loro profumo e la loro dolcezza. Appartenenti alla famiglia delle Rosacee, hanno origini agli inizi del ‘700, in Francia. Crescono in un terreno soffice, che deve essere particolarmente acido e misto a sabbia. Nella coltivazione biologica si procede con la sarchiatura per tenere il terreno morbido e pulirlo dalle infestanti e si copre il terreno con una pacciamatura con teli naturali. Hanno un potere antiossidante formidabile che supera anche di 20 volte quello di altri ortaggi e un ottimo contenuto di vitamina C, fibre e polifenoli. Sono un ottimo protettore del nostro cuore, perché aumentano i livelli di colesterolo buono nel sangue e abbassano la pressione sanguigna. Ricche anche di sali minerali sono un ottimo alimento da consumare crudo o in centrifughe di frutta.

Le fave

fave-fresche-cortobioUna leguminosa nota soprattutto in passato, denominata anche “carne dei poveri”, proprio perché ottimo sostituto della carne. Le fave, infatti, sono ricche di proteine e ferro, oltre a fibre e sali minerali. Contengono anche una sostanza che si chiama L-dopa, della quale si dice sia in grado di aumentare il livello di dopamina nel cervello e quindi favorire la concentrazione. Un alimento ideale per il cambio di stagione, perché energizzante, con proprietà depurative e tonificanti. Come mangiarle? Prima vi spieghiamo come pulirle e sgranarle. Rompete le due estremità e tirate il filo per prelevare i semi. Le nostre fave sono fresche, quindi non serve metterle in ammollo. Se siete leggermente intolleranti alle bucce, eliminate la pellicina sottile sul seme. Le fave sono pronte per una varietà di ricette infinita: bollite, come base per minestre cremose, fresche nelle insalate…

I piselli

piselli-freschi-primaveraUn ortaggio antichissimo, coltivato già 4000 anni fa in Cina e utilizzato anche nelle civiltà egizia, greca e romana. Un grande alimento ricco di vitamina A, 160gr contengono circa il 35% del fabbisogno giornaliero e fino al 40% del fabbisogno di vitamina C. Altra vitamina importante contenuta è la K, fondamentale per la coagulazione del sangue e il rafforzamento delle ossa. Approfittiamo della stagione in cui è possibile averli freschissimi, per poter mangiare anche i baccelli interi cotti al vapore o bolliti per 10-15min. e tagliati a fettine o passati con il passaverdura.

I rapanelli

ravanelli-bio-cortobioCome la Mizuna fanno parte della famiglia delle Brassicacee. Sia i ravanelli che le foglie hanno proprietà depurative e diuretiche. Del ravanello si usa tutto, comprese le foglie, ideali per dare un gusto particolare a zuppe e minestre. Hanno un ottimo contenuto di acqua, fibre, sali minerali e vitamine. Sin dall’antichità è nota la loro capacità di conciliare il sonno, aiutano il rilassamento dei muscoli e del sistema nervoso. Sotto forma di infusi e decotti possono essere utilizzati come sedativo della tosse e contro le infezioni delle vie respiratorie.

Gli asparagi

asparagi-proprietàArriva in cassetta un altro alimento apprezzato per le sue proprietà depurative e diuretiche come il rapanello, è ideale per eliminare scorie e tossine dall’organismo. Noto fin dall’antichità e probabilmente originario della Mesopotamia, si diffuse in seguito in tutto il Mediterraneo e fu molto utilizzato a scopo officinale nel Medioevo. Ricco di fibre, vitamina C e carotenoidi. Aiuta ad eliminare i liquidi in eccesso, quindi utile come drenante della pelle, indicato per chi soffre di cellulite. Come assumerne allora tutte queste proprietà? Non è detto che debbano per forza essere cotti, se sono freschi, potete tagliarli a fettine sottili in un insalata. Se li preferite cotti, però, vi consigliamo la cottura al vapore che mantiene vitamine e sali minerali. Potete anche ricavarne una tisana diuretica bollendo per 5 minuti 30 grammi di radice di asparago in 1 litro d’acqua. Dopo averla filtrata bevete la tisana al mattino a digiuno e tra i pasti.

Vi sono piaciute le novità di stagione? Fateci sapere sulla nostra pagina Facebook come li avete cucinati e quali avete preferito!

Buona Bio Primavera a tutti!