Senza categoria

corso-di-cucina-4

Corso di cucina – le ricette che piacciono ai bambini

Cortobio, in collaborazione con la scuola per l’infanzia “Il Sassolino” di Gavardo (Bs), la Fondazione Intro e le esperte di cucina naturale per l’infanzia Priscilla Leone (Mensanabio) e Alessandra Lucentini (Potere ai fornelli) vi dedica due pomeriggi per sperimentare le ricette che conquisteranno il palato dei vostri bambini.

Il corso si svolge in due sabato pomeriggi, il 21 ottobre e il 4 novembre non è richiesta alcuna esperienza precedente.

Cereali, legumi, frutta, verdura e dolcificanti naturali saranno i protagonisti delle ricette di Priscilla e Alessandra, che con semplicità vi guideranno nel bellissimo mondo della gioia di portare a tavola cibi sani e appetitosi per tutta la famiglia.

Clicca l’immagine sottostante per tutte le info.

corso cucina naturale

corso cucina naturale

chestnuts-1783878_1920

Castagnata!

L’autunno è arrivato ed eccoci pronti ad accoglierlo con un’allegra castagnata!

chestnuts-1783878_1920

Quando? Domenica 15 ottobre 2017

Dove? da Biodase - Località Dase, Avenone, Pertica Bassa (Bs)

avenone-pertica-bassa-biodase
Programma:

  • ritrovo ore 14.00 Indicazioni stradali: provenendo da Vestone (Bs) all’altezza della Banca Val Sabbina si gira a sinistra prima del ponte costeggiando il fiume, alla rotonda si gira a sinistra e dopo dieci metri si gira a destra, sempre costeggiando il fiume fino a Forno d’Ono. Si gira a sinistra per Avenone, non si prosegue per Levrange. Arrivati ad Avenone difronte alla prima casa si incontra la fontana ottagonale, il nostro punto di ritrovo è questo.
  • 14:30 camminata con raccolta castagne nei castagneti secolari a 200 m dall’azienda di Biodase
  • 16:00 torniamo da Biodase dove Gianfranco ci aspetta per fare merenda con caldarroste già pronte, vin brulè e te caldo, sarà inoltre possibile visitare l’azienda delle famose e squisite marmellate d’alta quota, previsti golosi assaggi e degustazioni.

Costo: 10 € adulti 5 € bambini gratis fino a 3 anni

Il costo comprende la merenda e la possibilità di portare a casa un sacchetto di castagne raccolte durante la passeggiata.

L’azienda agricola Biodase  è situata in montagna a 1000 mt. s.l.m tra i monti Tigaldine (mt.1960) e la Corna Blacca (mt.2006), data la quota si consiglia un abbigliamento adatto ad una temperatura di montagna e alle possibili escursioni termiche e alle improvvise precipitazioni. La passeggiata è adatta per tutti, ma con scarponcini comodi, pantaloni, giacche impermeabili e in generale si raccomanda un abbigliamento pesante.

road-1072823_1920

 

chestnuts-994138_1920

Posti limitati, per iscriversi è necessario compilare la scheda sottostante.

Per chi vuole visitare la zona: Le Pertiche Per chi vuole mangiare: Ristorante Il Mulino

In caso di pioggia l’evento verrà annullato, sarà nostra premura contattarvi telefonicamente il giorno prima.

————–

Iscrizioni chiuse.

————–

 

danilo

Niente chimica da Danilo

La storia che vogliamo raccontarvi oggi è quella di Danilo uno dei nostri produttori nel mantovano, che ha convertito la sua azienda al biologico ormai da più di quindici anni.

image

La voce pacata di Danilo porta un senso di tranquillità, che sicuramente ha infuso nella sua attività, ma parlando con lui si capisce bene che dietro a questa pacatezza c’è anche un vero guerriero, che ha lottato e che lotta ogni giorno per produrre senza chimica frutta e verdura buona per tutti, ambiente compreso.
E’ proprio questa avversione per la chimica che porta Danilo, alla fine degli anni 90, a decidere di stravolgere completamente la realtà della sua azienda, che all’epoca era dedicata all’allevamento di 25 vacche da latte, per iniziare una nuova avventura di produzione e vendita prodotti agricoli.

Scelta drastica e importante dunque, dettata da un peggioramento delle condizioni di vendita del latte con prezzi sempre più bassi, e dalla sensazione sempre più forte che fosse necessario produrre un bene più importante del latte, un bene basilare per l’alimentazione umana. Ecco dunque che coltivare prodotti della terra diventa per Danilo l’obiettivo primario per offrire un’opportunità di nutrimento vero, buono, naturale e soprattutto sano. Passione che ora condivide anche con il figlio Elia, che dopo gli studi ha deciso di restare in famiglia e diventare parte fondante della forza lavoro dell’azienda.
Sui suoi 8 ettari di terreno inizia la nuova esperienza con alberi da frutto, come mele, ciliegie, pere, albicocche e pesche, e poi tutti i fantastici prodotti da orto, dalle insalate ai pomodori, fino ai cavolfiori e alle patate.

image2 image3
Dopo un po’ di attesa, i primi frutti sono arrivati dopo circa 5 anni, e qualche delusione economica dai circuiti di vendita all’ingrosso, l‘Azienda Agricola Pagliette, di Solferino (Mn) giunge al suo equilibrio grazie alla vendita al dettaglio, alla fornitura ai Gas locali (gruppi di acquisto solidale) e alla collaborazione con Cortobio, che dura ormai da 4 anni.
Gli chiediamo quali siano i vantaggi di essere entrato a far parte del circuito di produttori di Cortobio, e ci conferma che siamo per lui una certezza, sa che può contare su di noi, e su tutti i clienti abbonati, per poter avere una buona vendita, sicura e ben pagata, perchè Cortobio garantisce oltre il 60% del prezzo pagato dal consumatore al produttore.

La vita bucolica di Danilo e Elia è anche in realtà una lotta continua, tra avversità climatiche e parassiti di vecchia e purtroppo nuovissima conoscenza. La vita di chi ama la terra non è facile e ogni stagione è una bella incognita. Da pochi anni a questa parte la grandine da record, per intensità e grandezza del chicco, ha mietuto moltissime vittime tra fiori e frutti, un vero flagello, di cui questa zona delle colline moreniche non ha memoria storica, purtroppo facciamo i conti con una delle catastrofiche novità del clima impazzito.

E poi i nuovi parassiti, prime fra tutti le temutissime cimici asiatiche, veloci e attivissime di notte, danneggiano inesorabilmente i frutti in via di maturazione, che non saranno poi vendibili. Pensate che più del 60% del raccolto viene distrutto da insetti! Una quantità incredibile, quanto lavoro perso e che dispiacere!

Ma Danilo è comunque sereno e ottimista, dall’anno scorso le reti antigrandine e antinsetto messe sui meli hanno dato buoni frutti, nel vero senso della parola, e ora sarà necessario estendere questa copertura anche sul resto dei frutteti, ma la spesa è notevole come potete ben immaginare.

Oltre alle reti, gli alleati di Danilo e Elia sono naturalissimi: olio di neem e piretro sono i repellenti naturali maggiormente utilizzati, insieme agli storici zolfo e rame contro muffe e funghi.

Per quanto riguarda poi gli ortaggi, il segreto è solo uno: rispettare il terreno. Ebbene sì, da questa saggezza derivano grandi vantaggi: con la rotazione delle colture e la pratica del sovescio, di grossi problemi non ce ne sono, ci rassicura Danilo. Infatti cambiando di anno in anno la coltivazione su ogni appezzamento di terreno, non si rischia di favorire il continuo proliferare di specifici parassiti, che saranno sempre presenti certo, ma in maniera contenuta, e il raccolto perso sarà una piccola parte.

E pensate quale grande rivelazione ci fa: per scelta non concima con i classici concimi, ma utilizza per arricchire il terreno solo letame! Un solo prodotto, naturalissimo. Il suo terreno poi viene messo a riposo, è questo il vero segreto, lasciar riposare ogni tanto qualche fascia di terreno, che ringrazierà e darà il suo meglio la stagione seguente, senza alcun intervento umano. “Il terreno – dice – non sfruttato, ha bisogno di poco, dà lui.”

insa

Che bella questa testimonianza di rispetto e amore, pazienza e dedizione e che buoni i tuoi prodotti Danilo! Grazie per il tuo tempo e la tua passione, noi ti immaginiamo nei tuoi campi, magari un po’ stanco e preoccupato per gli insetti invasori, ma con quella soddisfazione unica di sapere che il tuo lavoro ci offre al possibilità di mangiare ancora sapori genuini e senza chimica, un grande servizio per noi clienti e per l’ambiente.

                                         daniloelia

 


batata 6

La batata rossa: comfort food

In arrivo in queste settimane l’inusuale batata rossa, o patata dolce o patata americana. Probabilmente alcuni di voi non l’avranno mai vista, e come sapete ci piace sempre stupirvi con buone novità. Ci piace anche farvi conoscere le virtù di questa radice davvero speciale per la nostra salute, versatile in cucina e dal gusto delicato.
Innanzitutto chiariamo subito che, a differenza della patata classica, la batata rossa non è una solanacea e non è neanche un tubero, ma una radice, il che la rende molto più adatta della patata all’alimentazione, in special modo quella infantile. La batata rossa dunque non ha sostanze tossiche come la solanina appunto, e si può mangiare anche cruda, perciò possiamo creare davvero moltissime ricette fantasiose.

Quante proprietà!

La batata rossa ha moltissime fibre, vitamine del gruppo B, e sali minerali. Inoltre recenti studi hanno scoperto che nella sua buccia ci sono sostanze in grado di contrastare il diabete, caspita che alleata di salute! Il sapore delicato, si sposa benissimo a piatti sia salati che dolci, è un ottimo legante per polpette, sformatini, e con la sua polpa colorata possiamo creare gnocchi, chips in forno e purè, la ameranno tutti, vedrete, è un vero comfort food per tutta la famiglia.

Oggi vogliamo condividere con voi la ricetta per una avvolgente vellutata super colorata:

  • 350 gr di batata rossa con tutta la buccia
  • mezzo porro
  • 400 ml di acqua
  • 1 cucchiaino di dado fatto in casa
  • 2 cucchiaio di olio extra vergine di oliva
  • pepe qb

In una casseruola mettere a tocchi la batata, e il porro, coprire con l’acqua, aggiungendo il dado e l’olio. Facciamo cuocere per 15 minuti. Frulliamo il tutto con un minipimer a immersione, aggiustiamo di sale e serviamo fumante.

batata 6

 

 

arance petyx

Le rosse di Sicilia

Quanto ci piace la Sicilia! E ora che si tinge anche di rosso con l’arrivo delle favolose arance tarocco è proprio bello ricevere i suoi prodotti, e gustare il sapore intenso delle sue terre.
Come sapete, ci piace anche farvi conoscere i volti e le storie di chi sta dietro ai prodotti che ricevete in cassetta, e oggi siamo in compagnia di Francesco Petyx, il nostro produttore di arance rosse.

20160817_135046

I suoi agrumeti stanno in provincia di Agrigento, e sorgono sui terreni alluvionali del fiume Platani, perfetti per la coltivazione delle arance, sono infatti ricchi di minerali che conferiscono alle arance un sapore inconfondibile.

Questa speciale varietà di arance rosse è detta tarocco dal muso, ci spiega Francesco, proprio per la particolare conformazione della parte vicina al picciolo, qui sotto le potete ammirare in una composizione davvero meravigliosa:

 

arance petyx

Dopo aver passato molti anni nel palermitano, Francesco si definisce un “coltivatore di ritorno“, infatti è negli ultimi 20 anni che si è stanziato definitivamente in questa parte della sua Sicilia e ha deciso per la conversione al biologico di tutta la proprietà, che vanta 7 ettari di agrumeti.

Cosa vuol dire coltivare biologico? Innanzitutto rispettare il terreno, ci dice, con la pratica del sovescio, che consiste nel seminare specie erbacee, tagliarle e distribuirle poi sotto le piante, lavorando il terreno solo superficialmente, in questo modo la terra si arricchisce in azoto e resta soffice e fertile per gli alberi che dovranno dare frutti, senza l’intervento di fertilizzanti chimici.

Un’altra pratica importantissima è la potatura manuale, eseguita da professionisti qualificati, la cui manodopera, così specializzata, ha un costo molto elevato. Queste operazioni, che si praticano da aprile a luglio, sono possibili su rotazioni annuali, considerando che in una giornata si riescono a potare circa 10/12 alberi e che in un ettaro ci sono ben 400 piante, possiamo immaginare quanto sia onerosa questa operazione e quanto richieda anche in termini di tempo.

La vocazione di questo territorio per le arance rosse, deve anche la sua fortuna e fertilità, oltre alle terre alluvionali, anche ad una sorgente di acqua, chiamata appunto Fontanafredda, che dà il nome all’azienda. Guardate che spettacolo!

sorgente da cui il nome Fontanafredda

Grazie alla presenza di quest’acqua di sorgente, Francesco riesce a dissetare i suoi preziosissimi aranci anche nelle torride estati, che, solo chi conosce l’interno della Sicilia, sa quanto possano essere calde.

Dietro a queste arance c’è tanto amore per la propria terra e rispetto per la natura, in questa azienda infatti, la produzione non è “spinta”, come sempre avviene in agricoltura convenzionale, non si concima il terreno per avere più prodotto, qui a Fontanafredda si riceve quello che la natura riesce a dare, nei ritmi regolari, sapendo aspettare le annate migliori, e questa, ci dice Francesco, è una di quelle: qualità e pezzatura sono in ottima forma.

E noi dunque, non possiamo far altro che ricevere con gioia questi frutti così profumati, ricchi di proprietà benefiche e di gusto. Grazie alle spiegazioni di Francesco, ora sapremo goderci ancora di più queste arance prelibate.

 

 

Torna all'inizio