Cavolo riccio

cavolo-riccio-scheda-prodotto

Nome Scientifico: Brassica oleracea
Famiglia: Brassicacee

I nostri cavoli ricci sono coltivati da:
“Armonia Verde” Pozzolengo
“Fattoria Paradello” Rodengo Saiano



stagionalità-cavolo-riccionaturale-biologico

Curiosità

Anticamente tutti i cavoli erano solo da foglie, solo in tempi recenti sono state selezionate le varietà da fiore e da testa. Particolarità di questi cavoli da foglie è l’utilizzo per zuppe, nel caso particolare in Toscana vengono utilizzati per la preparazione della ribollita.
Il cavolo riccio, come anche il cavolo nero, è fra quelli meno esigenti è fra i più rustici, sopporta bene i terreni pesanti e resiste bene ai freddi invernali, anzi acquista ancor più sapore con le gelate invernali.

sano-salutare

Fa bene perché…

Il cavolo riccio, così come tutte le altre tipologie di cavoli, è un ortaggio ipocalorico e molto ricco di sostanze nutritive: è ricco di vitamine, potassio e altri minerali utili per il nostro organismo.
Ha proprietà antiossidanti e anti tumorali.

ecologico-eco-cucina

Suggerimenti di eco-cucina…antisprechi! – Conservazione

Se prevedete di consumarli entro un paio di giorni, potete mettere le foglie in un vaso con un goccio d’acqua, come fareste con un mazzo di fiori!
Altrimenti si conservano in frigo per circa una settimana, in un sacchetto di carta.
Se volete conservarli più a lungo, puliteli, fateli bollire per 4/5 minuti in acqua leggermente salata, scolateli, asciugateli e metteteli in freezer. In questo modo si conserveranno per alcuni mesi.
Il gambo del cavolo riccio è molto coriaceo, per cui consigliamo di eliminarlo nelle preparazioni che richiedono breve cottura. Ma per non sprecare nulla, potete farli bollire a lungo in modo che diventino teneri e inserirli in un passato di verdura o un minestrone, oppure tagliati sottili come condimento per la pasta.


La ricetta veloce: Cavolo riccio saltato in padella

Eliminate i gambi delle foglie e fate bollire queste ultime in acqua leggermente salata per circa 7/8 minuti. Poi scolatele e fatele insaporire qualche minuto in una padella con un goccio d’olio, uno spicchio d’aglio e, se vi piace, del peperoncino. Aggiustate di sale e servite come contorno, oppure come condimento per una pasta o una bruschetta.


Primi

Crema di Patate con cavolo riccio vegan

Pesto di cavolo riccio vegan

Torna all'inizio