Melone gialletto


Canary-MelonNome Scientifico:
 Cucumis melo varietà inodorus

Famiglia: Cucurbitacee

 

 

 

 

I nostri meloni sono coltivati in Puglia, sulla costa Jonica.
 

StagionalitàLuglio-settembre

 

naturale-biologicoCuriosità e coltivazione biologica

Non c’è vacanza al Sud Italia che non sia caratterizzata da almeno un assaggio di questo melone così particolare. Infatti in Puglia, Calabria e Sicilia il melone più rappresentativo dei classici piatti estivi è proprio il gialletto, e non il retato, più abitualmente consumato nel resto della penisola.

Il suo nome è ovviamente dato dalla buccia liscia di un colore giallo intenso leggermente striata longitudinalmente. La forma ovale racchiude una polpa bianca e soda. Sin dall’antico Egitto è stato considerato uno dei simboli di fertilità per eccellenza, probabilmente per i numerosi semi contenuti.
Viene coltivato in un terreno di impasto medio che deve essere ricco di sostanza organica nutritiva per la pianta, quindi la coltivazione viene avvicendata con piante da rinnovo anche per evitare l’accumulo di funghi e parassiti.

 

sano-salutare

Fa bene perché…

l’alta concentrazione di acqua rende il melone gialletto il frutto perfetto per dissetarsi e rinnovare così le scorte idriche del nostro organismo affaticato dalla calura estiva. La presenza di preziosi sali minerali e vitamine inoltre ci permette di ristabilire i delicati equilibri di queste sostanze che si perdono facilmente con la sudorazione. Ha pochissime calorie e molte fibre, è perfetto dunque per rimanere in forma. Ha un’azione coadiuvante sulla motilità intestinale e un effetto benefico sul sistema nervoso…un vero peccato lasciarselo sfuggire.

 

ecologico-eco-cucina

Suggerimenti di eco-cucina…antisprechi!

Il melone gialletto è detto anche melone d’inverno, infatti si presta per essere conservato e consumato nei mesi più freddi, e a Natale, dove regna incontrastato sulle tavole delle feste siciliane. L’importante è conservarlo in un luogo fresco e asciutto, in cassette ben areate, e lontano da altri ortaggi, il melone infatti sprigiona etilene, un gas naturale che accelera la maturazione di frutta e ortaggi nelle sue vicinanze.
ricette-cortobio

La ricetta Facile:

Il modo migliore per gustarlo è lasciarsi dissetare dalla polpa e dal suo sapore così delicato e particolare. Per renderlo più gustoso e digeribile il consiglio è quello di aggiungere un pizzico di sale e una macinata di pepe nero, in questo modo ne esalteremo il sapore e ci saremo concessi una pausa di benessere e salute.

 

Torna all'inizio