Nome Scientifico: Pyrus pyrifolia
Famiglia: Rosacee

Le nostre pere nashi sono coltivate da:
“Cascina Palazzo” in Piemonte

Le pere nashi hano origine nella regione meridionale della Cina, ma il nome “nashi” è di origine giapponese, e significa pera.

Le pere nashi sono felicemente coltivate anche in Italia, e quelle che vi portiamo in cassetta sono ovviamente biologiche e coltivate dalla Cascina Palazzo, specializzata in coltivazioni particolari, come quella delle mela red moon, la mela con la polpa rossa.

Questa varietà di pere è molto apprezzate per la polpa croccante e dal sapore delicato, ma al contempo estremamente succosa.

Ricchissima di minerali è particolarmente indicata come coadiuvante negli stati di stanchezza e debolezza post influenzali.

Ne consigliamo un consumo da cruda proprio per non perdere con la cottura le caratteristiche benefiche e di croccantezza, ma è ottima anche da cuocere come qualsiasi altra varietà di pere, e pertanto vi lasciamo qui una ricetta di torta con le pere rovesciate:

Ingredienti:

-220 farina 0
– 40 farina riso
– 100 burro fuso
– 2 cucchiai di fecola di patate
– 100 zucchero di canna
– 170 latte a scelta
– 2 pere mature
– 3 cucchiai di zucchero di canna da far sciogliere con acqua in una padella e da stendere sulle pere fatte a fette e stese sul fondo di una tortiera da 22 con cerniera.
Per guarnire spolverizzare con cannella e zucchero a velo

In una terrina mescolare insieme il burro sciolto a bagnomaria con lo zucchero e il latte. Poi incorporare le farine setacciate insieme al livito. Stendere l’impasto, che sarà abbastanza cremoso, sull epere caramellate e cuocere in forno per circa 30 minuti a 180 gradi.

Prodotti correlati