BOX_REGALO_CORTOBIO

Contest “Le bio ricette di Natale”

Tempo di pensare ai regali… mandaci una ricetta e vinci un abbonamento per te e le persone che ami!

NATALE_CONCORSO_CORTOBIO

Siamo lieti di presentarvi il nostro contest di ricette: “Le bio ricette di Natale”!

In realtà siamo molto più che lieti, un po’ gasati diremmo, vi presentiamo un vero e proprio concorso, con in palio dei ricchi premi firmati Cortobio.

 

Partecipando al contest potrai vincere:

1 PREMIO_CORTOBIO

un abbonamento mensile a Cortobio, ovvero ben 4 arrivi di una cassetta piccola mista di frutta e verdura biologica

2 PREMIO_CORTOBIO

una cassetta grande mista di frutta e verdura biologica

3 PREMIO_CORTOBIO

una cassetta monoprodotto di fantastici agrumi di Sicilia bio

 

Come funziona:

Inviaci la foto e la ricetta di una tua specialità, sia dolce che salata, realizzata con frutta o verdura di stagione, una giuria di specialisti la valuterà secondo i seguenti parametri:

 

REGOLE CONCORSO_CORTOBIO

 

 

IN GIURIA_CORTOBIO

Jurij Bonomo // responsabile Cortobio
Alessandra Lucentini // foodblogger di Potere ai fornelli ed esperta di cucina naturale
Silvia Frigoli // fotografa e graphic designer

Le foto e le ricette, dovranno pervenire entro il 18 dicembre alla seguente mail: info@cortobio.it
Assicurati di inserire il tuo nome e cognome e numero di telefono.
Le migliori ricette verranno selezionate e inserite in un e-book scaricabile gratuitamente dal sito di Cortobio.

Affrettati, il tuo regalo ti aspetta!

BOX_REGALO_CORTOBIO

puntarelle

Sono arrivate le famose puntarelle!

Con i primi freddi eccole qua le tanto amate quanto temute verdure amare: cicorie, catalogne, puntarelle…sono le regine di questi mesi.

Ma diciamolo, a volte quando arrivano in cassetta ci fanno sospirare…e adesso come le cucino? Come le lavo? Devo tagliarle? Non ci stanno in pentola! Che ricette vado a pescare per mettere d’accordo tutta la famiglia?

puntarelle

Innanzitutto rispondiamo alla fatidica domanda: ma le puntarelle esattamente cosa sono? La cicoria o catalogna puntarelle, detta anche cicoria cimata, presenta al suo interno alcuni germogli croccanti, le puntarelle. Dal gusto lievemente amaro, sono davvero squisite da provare in pinzimonio o in insalata, potete tagliarle a striscioline o lasciarle interi, per un originale antipasto finger-food.

cimette puntarelle

Diciamo che il modo migliore per gustare il sapore rustico e amarognolo di queste verdure, il che le rende poco amate dai più piccoli, è quello di farle comunque cuocere poco, per preservarne sopratutto le vitamine e i minerali. Le verdure amare sono un vero toccasana per tutto l’organismo, sono depurative e migliorano la funzionalità del fegato, dunque proviamo a renderle amiche anche del nostro palato.
Alleati numero uno per accompagnare queste verdure da crude: sapori forti come la senape, il limone con cui fare delle gustose vinagrette, non è un caso infatti che le famose puntarelle alla romana siano accompagnate dalle alici, saporitissime. Altri condimenti da usare, in chiave macrobiotica sono le salse di soia, il tamari in primis e anche il miso, debitamente stemperato può essere un ottimo stratagemma per creare gusto in tavola.
In cottura ricordiamoci sempre di utilizzare della cipolla, che le addolcisce, e se vogliamo poi far apprezzare queste verdure anche ai più piccoli, non c’è niente di meglio che presentarle in una bella torta salata, impreziosita da capperi e profumi di origano, andrà a ruba.
Ecco la ricetta della torta salata:

Per l’impasto:

  • 300 ml di acqua
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • 30 gr di olio extra vergine di oliva
  • 2 cucchiaini di zucchero o malto
  • 2 cucchiaini di sale
  • 400 gr di farina semintegrale
  • 200 gr di semola di grano duro

Mescolare dapprima gli ingredienti secchi, sciogliere poi il cubetto di lievito in acqua tiepida insieme a olio e zucchero, aggiungere poco alla volta alla farina in una ciotola. Impastare per qualche minuto fino a formare una palla omogenea che lasceremo lievitare.

Intanto prepariamo il ripieno:

  • 1 cespo di cicoria puntarelle
  • 2 cipolle rosse
  • sale, pepe
  • olio extra vergine di oliva
  • una manciata di capperi dissalati
  • origano
  • 100 gr di tofu neutro o formaggio a pasta filata

Mondare le catalogne e tagliare a striscioline le puntarelle, cuocere in abbondante acqua salata e poi strizzare tutto per bene. Unire alle cipolle tagliate precedentemente a fettine e fatte imbiondire in un’ampia padella antiaderente con olio extra vergine di oliva, una generosa manciata di origano e i capperi. Prepariamo il tofu, tagliandolo a fettine o dadini e facendolo insaporire bene con le verdure.
Aggiustiamo di sale.
Stendere la pasta lievitata sulla placca del forno appena oliata. Riempire con le verdure e il tofu o il formaggio.
Tagliare a strisce altra pasta e comporre la nostra torta salata come una crostata.
Spennellare con olio e infornare a 200° per circa 30 minuti.
E’ ottima anche fredda.

pizza ripiena 2

 

cavolo

Sua maestà il cavolo cappuccio

Inizia la stagione autunnale ed ecco che arriva puntuale l’epoca del cavolo cappuccio, sia verde che viola…e rieccoci al solito dilemma: come lo consumiamo?

cavolo

Se per caso vi venisse voglia di escluderlo dalle vostre cassettine, ecco un piccolo promemoria per tenervelo invece stretto stretto.

Primo: è un ortaggio di stagione, e dunque abituare il proprio organismo alla rotazione di frutta e verdura consigliata da madre Natura, è sicuramente un’ottima strategia salva salute.

Secondo: l’utilizzo del cavolo cappuccio sia crudo che cotto rappresenta una buona mossa per tenere in forma il proprio organismo, fare il pieno di vitamine e fibre e salvaguardare la pressione arteriosa, l’indice glicemico e i livelli di colesterolo nel sangue.

Terzo: molte popolazioni antiche come i Romani non si facevano mai mancare questo alimento, in versione fermentata, per garantirsi un corretto apporto di vitamine e un buon funzionamento intestinale. Come si usa in macrobiotica infatti, è una buona abitudine per tutto l’organismo assumere i famosi crauti, che si ottengono facendo macerare il cavolo cappuccio crudo, tagliato sottilissimo e condito solo con sale, pressato con dei pesi in modo tale da far perdere l’acqua in eccesso. Questa preparazione è molto consigliata in una dieta ricca di carni ad esempio, non è un caso infatti che se ne faccia molto uso nei paesi nordici, dove carni e insaccati vanno alla grande, i batteri che si sviluppano durante la fermentazione dei crauti sono dei probiotici intestinali formidabili.

Quarto: con questa ricettina volante non potrete più fare a meno di avere un cavolo cappuccio nella vostra cassetta, ecco un’insalata veloce che stupirà i vostri ospiti per gusto e fantasia:

Ingredienti:

  • un cavolo cappuccio medio, freschissimo
  • 2 pere mature
  • semi di cumino, varietà kummel o carvi (dolcissimi e profumati)
  • acini di melograno
  • pepe
  • sale extra vergine di oliva
  • sale

tagliare a fettine sottilissime il cavolo, affettare le pere e condire il tutto con semi di cumino (parliamo di quel cumino che troviamo nei pani trentini, non nelle salse indiane) pepe, olio e sale. Se avete del melograno andrà benissimo per dare quel tocco di colore che fa sempre bene al cuore.

 

 

cappuccio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

pi dei Romani, il cavolo cappuccio tagliato a striscioline e marinato con il sale rappresentava un irrinunciabile pasto, soprattutto in inverno dove le difese immunitarie si abbassano

desi

Siamo sempre più vicini a te

Un vero boom di nuovi punti di ritiro in questi mesi autunnali!
Il servizio piace sempre di più, l’entusiasmo di chi ci conosce cresce, il passaparola viaggia veloce ed è una vera garanzia per chi desidera iscriversi, e allora noi ci attiviamo con nuovi punti di ritiro per potervi raggiungere con più facilità e regalarvi sempre più comodità.

Facciamo un breve riassunto per chi si fosse perso qualche new entry tra i punti di ritiro, dal Lago di Iseo a quello di Garda, dal mantovano passando per Brescia e Val Sabbia, ecco che le nostre cassettine sono sempre più facili da ritirare, guardate qua:

Colombare di Sirmione (Bs) negozio “Desi Sfuseria Alimentare” una vera novità per il lago, un’idea originale ed ecologica, da non perdere! Giorno di ritiro il venerdì dalle 16 alle 19
desi 2

desi
Villanuova sul Clisi (Bs) “La bio dispensa”(BS) il negozio bio strategico e super fornito alimentari, cosmetica e linea di benessere. Giorno di ritiro il martedì dalle 17 alle 19.

Bio dispensa
villa

Brescia bar “Capre e Cavoli” il numero uno a Brescia per trovare deliziose colazioni e pranzi a buffet 100% vegan. Giorno di ritiro il martedì dalle 16.30 alle 18.30

capre e cavoli

capre e cavoli
Brescia S.Eufemia negozio “La bottega di Pi” una vera e propria istituzione delle botteghe del borgo, troverete consigli, ottimi prodotti e sorrisi. Giorno di ritiro il sabato dalle 9.

Negozio DaPi

Pilzone di Iseo (Bs) presso la fornitissima erboristeria “Erbacadabra, tanti prodotti e consigli per il vostro benessere. Giorno di ritiro il mercoledì dalle 17 alle 19
DSCN0963

DSCN0964

Castiglione delle Stiviere (Mn) presso il negozio bio “Marenostrum” , vi consigliamo di provare la loro squisita bio gastronomia. Giorno di ritiro il venerdì dalle 16 alle 19
IMG_20160909_163428

IMG_20160909_163310

vista dall'agrumeto

Vi raccontiamo una storia: il nostro viaggio nella Sicilia bio

L’estate e le vacanze sono spesso un momento in cui dare spazio a quelle attività che durante l’anno non riusciamo a portare avanti, e per noi quest’anno sono state il pretesto per passare a salutare alcuni nostri cari amici produttori siciliani.

La bella Sicilia è una meta che per colori, tradizioni e sapori ha un fascino che non teme rivali, c’è l’imbarazzo della scelta nel decidere i luoghi da visitare, le bontà da assaggiare e anche per noi non è stato facile decidere il tour da intraprendere, ma l’abbiamo dedicato agli agrumi e dunque a quelle aziende che ci deliziano con le loro arance, limoni clementine e mandarini.

vista dall'agrumeto

L’incontro è sempre festoso, con alcuni non è la prima volta che ci si vede, anche perchè sono più di 5 gli anni di collaborazione, e il momento è l’occasione per passeggiare tra gli agrumeti, parlare di nuove tecniche di coltivazione, parassiti da controllare, soddisfazioni e prospettive future, il tutto poi si conclude con una bella cena, magari una super pizzata casalinga con forno a legna.

Proprio come è successo a Ribera in provincia di Agrigento presso l’azienda Chetta, la famosissima Chetta che vanta le arance più dolci della Sicilia, scommettiamo che molti di voi le stanno già aspettando. L’azienda di Chetta è nostra socia dalle origini di Cortobio, si estende su una superficie di 9 ettari circa, con produzione prevalente di arance varietà navel, clementine e  limoni. Se volete saperne di più ecco un nostro articolo di approfondimento: http://www.cortobio.it/il-biologico-un-ritorno-alle-origini-quando-la-chimica-non-cera/

Ecco il sorridente Simone Chetta con sua sorella.

Simone Chetta e sorella

chetta 3


 

Proseguendo poi circa a 20 km a nord di Agrigento in zona Casteltermini  siamo passati dall’azienda Fontanafredda bio, prossimamente socia delle nostra cooperativa. Con i suoi circa 4 ettari di arance tarocco e sanguinello , darà il cambio alle arance navel di Chetta, visto i diversi momenti di maturazione delle varietà…come vedete abbiamo sempre un pallino in testa:  offrirvi il massimo dalla stagionalità e dalla biodiversità.  

La storia di questo posto è davvero incredibile, situato in una valle in cui scorre un fiume salato, questa azienda deve la sua fortuna, e il suo bellissimo nome, ad una sorgente fredda di acqua dolcissima. E ci appare così, come se fosse un’oasi…

sorgente da cui il nome Fontanafredda

 

 

Difficile non rimanere incantati da questa Sicilia così aspra a volte, ma così accogliente, ti stupisce sempre!

20160817_135046

 

 

Eccoci con Francesco, il titolare, nella corte dell’azienda.

 

corte dell'azienda, con ristorante

 

 

Francesco Petyx

 

Dulcis in fundo ci siamo diretti a sud est in provincia di Siracusa da Fiumara Monica. Quest’azienda familiare, socia di Retebio, è attiva sul territorio da circa 20 anni, momento in cui madre e figlio hanno deciso di trasferirsi da Milano in queste splendide terre, credere nel biologico e avventurarsi in questa nuova attività, e diciamo che ci riescono proprio bene. Oltre alla produzione di limoni hanno quella di un piccolo quantitativo di olio con olive provenienti anche da maestosi alberi centenari, guardate che magnificenza:



cenenario

 

 

 

20160819_183859

 

Monica è davvero solare e piena di entusiasmo e il posto meriterebbe una vacanza intera, passeggiare tra queste colture è una vera gioia per gli occhi e il cuore.

20160819_184816

 

 

Un viaggio in queste terre e l’incontro con i nostri produttori ci ha proprio regalato dei bei momenti e la certezza che il nostro lavoro faccia parte di una virtuosa catena di sorrisi, speranze e promesse per il futuro. Un futuro sostenibile per la natura, per le persone che ci lavorano, per le famiglie che ci credono, investendo in agricoltura biologica, e acquistando bio attraverso questo circuito.

Dunque un grazie a te che leggi, a te che credi che il biologico sia una mossa vincente, a te che decidi di rinnovare il tuo abbonamento con noi e sostenere così tanti lavoratori che sanno di poter contare su di te.

 

 

 

Torna all'inizio